NATALE DEI POPOLI e MERCATINO DI NATALE 2017

Rovereto, Napoli e il Portogallo

NATALE DEI POPOLI – 25 novembre 2017 – 6 gennaio 2018

Nella suggestiva cornice del centro storico di Rovereto l’atmosfera è natalizia, l’aria fresca dell’inverno profuma di dolci, cannella e vin brulè. Nelle piazze e nelle vie tanti alberi di Natale che renderanno suggestivo il vostro percorso, laboratori per bambini e anche per adulti per  realizzare i vostri addobbi di Natale.

Il Mercatino di Natale con le sue caratteristiche casette in legno, offre il meglio delle prelibatezze culinarie e della produzione artigianale locale, nazionale e internazionale, addobbi per l’albero, statuine per il presepe, strenne natalizie e tante idee regalo.

È un Natale speciale quello che si respira quest’anno  a Rovereto, un Natale di Luce capace di coniugare le tipiche atmosfere della festa con i temi importanti di oggi che ci invitano all’incontro e al dialogo con altri paesi e culture, ognuna caratterizzata dal proprio carico di storia e di tradizioni.  L’ospite speciale di questa edizione è il Portogallo, con la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni natalizie ricordiamo la Messa del Gallo , la messa della vigilia così chiamata perché la leggenda racconta che quando nacque Gesù il gallo cantò. Ancora, sempre per la messa della vigilia i bambini vanno in processione con le fiaccole di ginepro che costruiscono e sono un segno augurale per le persone povere.

Le tradizioni sono anche i presepi in Portogallo come in Italia ospiteremo quindi alcuni presepi portoghesi che verranno esposti insieme aa quelli del natale dei Popoli che ci accompagnano da alcuni anni:  il presepe di Lampedusa realizzato con il legno delle barche dei migranti, il presepe di Betlemme realizzato con il legno di Ulivo, il simbolo della pace, il presepe Africano realizzato con materiali poveri, da alcuni profughi ospiti di Rovereto. A questi presepi si affiancheranno quelli realizzati dal maestri d’arte presepiale di Napoli, i Maestri della famosissima via dei presepi di Napoli, San Gregorio Armeno